Mi ritorna in mente

*
Ho decine di password memorizzate dentro la mia testa comprese quelle del lavoro e per il lavoro. Il bello e’ che a volte le dimentico e poi mi ritornano in mente all’improvviso. Esempio: Vado al bancomat e senza pensarci digito la pass. in modo automatico. Taaac codice pin errato. Cosi fisso il terminale,alzo la testa in aria,esco dalla filiale,un attimo di smarrimento e non mi viene in mente. Poi a un certo punto dopo aver mandato in rassegna mentalmente le pass. mi ritorna. Così rientra in banca e ridigita la pass e rifai la fila.
Ora mi dico,sarebbe il caso che me le appuntassi su un foglio? E se lo perdo? Faccio la fotocopia del foglio. E se poi non ricordo dove ho messo il foglio (capita anche questo).Faccio la copia della copia. Anzi in ogni cassetto di casa ci metto una copia. Anche al bagno,cosi sono sicuro.Ideona.
Uhm…e se qualcuno a mia insaputa dice ” e che so’ tutti sti fogli? via! via! buttare!”  e non trovo piu’ i fogli?
Memoria mia confido in te,sempre in te e solo in te,ti prego non abbandonarmi ne ora ne mai. Amen.

Annunci

Immaginando (piu’ o meno fine 1800)

*
Madame,ho prenotato i posti in largo anticipo,per la prima della pellicola dei F.lli Lumiere – L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat – Spero che sia di suo gradimento mia madame.E’ un evento storico,mi pregio di assistere all’evento insieme a lei.
– Dove ci mettiamo mio adorato Sir?
– Qui,in fondo alla sala,cosi se capita di limonare duro nessuno ci vede!
– Ah! Sempre cosi’ delicato mio Sir.

old-cinema

Black Friday

*
Ecco perchè si chiama il VENERDI NERO perchè lo fanno arrivare fino al 24 di fine mese quando l’intero stipendio del mese in corso e quasi volato.
Quindi anche con gli sconti, che ti compri? Si dice che prolungano fino al 27 ma solo con acquisti on-line detto anche cyber monday. La sostanza di fatto non cambia.

Che furbastri!

black-friday-sconti-com-1

Come era?

*

Chissà come era la terra prima della venuta dell’uomo,un istante prima. Immagino distese di terre incontaminate,verdeggianti,ruscelli di acqua limpida,aria ancora piu’ trasparente. Inverni che si succedevano per milleni e milleni  con le loro estati e primavere e autunni.In silenzio,senza l’essere umano. Silenziosamente la terra ruotava e produceva bellezze incontaminate.Modificava,modellava,creava in solitudine. Ogni cosa penso che appariva ancora piu’ bella di oggi,piu’ colorata,piu’ viva.Nessun posto era esplorato,nessun posto era mai stato visitato prima. La immagino silenziosa sola con i suoi rumori,I rumori della natura. Senza strade,case,autostrade,nulla riconducibile alla nostra realtà.Una terra aliena a noi. Poi venne l’uomo che non aveva costruito la terra,ma nacque dalla terra stessa insieme al mare.