Chi è?

*
Soffermandomi non sul libro ma sulla copertina,mi chiedo chi era questa giovane donna intenta a curiosare sulla novità della macchina fotografica. Cosa faceva,dove viveva.Periodo vittoriano? Oppure e’ una foto dei giorni nostri abilmente ritoccata.Mistero.

l2527estate2bprima2bdella2bguerra

Sea

IMG_0013

*
Alzo gli occhi al cielo
cielo del colore dei diamanti
zaffiro questa mattina
un azzurro limpido e accecante
la voglia di mare e acqua marina
e’ alla portata oggi
Accendi la radio in macchina ad alto volume
metti i piedi nudi sul cruscotto e via
a velocita’ spedita siamo in spiaggia
a guardare altri che gia’ stanno a mollo
a giocare.
Sdraiati su asciugamani come lucertole
prendiamo il sole e poi una corsa
verso il mare e con un tuffo gia’
stai sopra di me con la voglia di
capriole e le tue cosce sulle spalle
Risate e schiamazzi d’acqua lasciano passare
il tempo
In un baleno sono gia’ passate otto ore
il tramonto sta arrivando e la sera
e’ già di casa
noi due in giardino la sera d’estate
con il barbecue acceso
e il ciondolare tra divano e stanchezza
che allunghi le tue lunghe gambe nude
con i piedi nudi da massaggiare
uno zapping alla tv
e morfeo da allonanare

Dal caos delle parole…

*
La concentrazione empirica dei sistemi arrotolati sulle panchine sono l’aspetto mediocre dei fili che si annodano nei bottoni dei cappotti.Oppure sono il sistema sviluppato all’ennesima potenza sulle sedie del parco attratti dalla mano gravitazionale della tasca della camicia dove uno più uno fa tre.
Semplice,no?

…… si potrebbe dare a loro un ordine cosi:

Lui e lei  con le menti concentrate (nei sistemi cerebrali) dell’amore seduti sulle panchine,sono l’aspetto mediocre di un intreccio di corpi che si annodano tra loro, davanti a tutti i presenti, legati dai soli vestiti che indossano (bottoni e cappotti di lei e di lui). Oppure e’ il sistema (cerebrale) sviluppato all’ennesima potenza dall’amore in corso sulle sedie del parco (seduti) attratti da mani e piedi che si toccano fin dentro le tasche (significato: in ogni posto) dove la mente annebbiata dall’amore ti fa dire cose senza senso, che uno piu’ uno fa tre. (quando sei cotto d’amore)