Dal caos delle parole…

*
La concentrazione empirica dei sistemi arrotolati sulle panchine sono l’aspetto mediocre dei fili che si annodano nei bottoni dei cappotti.Oppure sono il sistema sviluppato all’ennesima potenza sulle sedie del parco attratti dalla mano gravitazionale della tasca della camicia dove uno più uno fa tre.
Semplice,no?

…… si potrebbe dare a loro un ordine cosi:

Lui e lei  con le menti concentrate (nei sistemi cerebrali) dell’amore seduti sulle panchine,sono l’aspetto mediocre di un intreccio di corpi che si annodano tra loro, davanti a tutti i presenti, legati dai soli vestiti che indossano (bottoni e cappotti di lei e di lui). Oppure e’ il sistema (cerebrale) sviluppato all’ennesima potenza dall’amore in corso sulle sedie del parco (seduti) attratti da mani e piedi che si toccano fin dentro le tasche (significato: in ogni posto) dove la mente annebbiata dall’amore ti fa dire cose senza senso, che uno piu’ uno fa tre. (quando sei cotto d’amore)

Annunci

2 pensieri su “Dal caos delle parole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...