Question

*

Vento freddo e pioggia a maggio. Non ci sono piu’ le mezze stagioni,le stagioni intere e le stagioni stagionate.
Che poi,perche’ si dice formaggio stagionato? che termine strano stagione e stagionato.
No?
Certo che e te ne esci come i dolori….
che sono stagionali pure quelli!
Che poi si dice “eh….ormai e’ stagionato!”
Sta-gio-nato
che termine strano
e perche’ quando si dice – stagionatura – ?
e persone stagionate? e stagionare?
Quanto stagioni al mare?
e ancora altri modi dire
– amore lungo e stagionato –

mah…
Cia’

Annunci

Day

*
Sono finito dentro la bocca della balena
uscito fuori ho visto l’arcobaleno
raccolto da una zingara in strada
mi ha portato a casa
e sopra il divano
mi sono svegliato e c’eri
che mi hai chiesto
mi massaggi i piedi?
La tv accesa diceva
viviamo in un
tempo astratto
sul giornale c’era scritto
arriva il caldo
mi sono preparato per uscire
ma mi hai fermato
volevi giocare
a cuscinate senza
lottare
cosi stanchi e sfiniti
ci siamo
addormentati con i piedi
entrambi in mano
un 69 sul letto
abbiamo disegnato.

Serale

*
L’angolo cottura questa mattina ha il colore nuvoloso, non ti dico poi se accendi la luce al neon diventa color lattiginoso,l’odore di caffe’ sai mi disturba e tu canticchi che questa notte le pecorelle non le hai contate,il tatuaggio sul tuo piede si e’ messo in movimento,mai visto un tattoo che si muoveva in vita mia ,cosi’ stavo per prenderti per i piedi nudi per giocare,mentre il tuo libro me lo hai dato in testa e hai cominciato a ridere per tutto il casolare e la tv poi si e’ accesa da sola,siamo crollati sul divano viola e tu ti sei messa sopra di me perche’ ero piu’ comodo di un cuscino,dicevano che c’era il black-out della parola oggi,allora zitti zitti tutto il giorno comunicavamo con i cartelli, ma che domenica surreale un film ci potrebbero fare,la domenica surreale,quella che non esiste,cosi’ mi sono svegliato con il tuo piede in mano da massaggiare e la tua gomma da masticare sul naso,tutto surreale,no non mi sveglio voglio ancora sognare questa domenica surreale che deve ancora arrivare,e domani mattina che e’ lunedi te la sapro’ raccontare per come sara’ stata reale.

Rime

*
Maggio piovoso
vento scirocco
Piedi gelati
calzini bucati

Mani in tasca
passo di danza
pioggia e grandine
il sole passa

Sigaretta spenta
il gas e’ finito
nel letto avvinghiati
giriamo il cuscino

Facciamo l’amore
facciamo sesso
fantasie erotiche
non hanno prezzo

Mi canti una canzone
con il libro in mano
giriamoci dentro il letto
e ci addormentiamo

Mi sveglio la mattina
con il tuo piede in bocca
andiamo al lavoro
di Maggio
scoccia